Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧

Il manager dell’intelligenza artificiale guida l’innovazione tecnologica e digitale, sfruttando i vantaggi degli algoritmi predittivi e del machine learning. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla preparazione dell’AI manager, sulle competenze che deve possedere e sul suo ruolo nel processo di sviluppo sostenibile.

In che modo un’azienda può restare al passo con i tempi o addirittura anticipare il processo di trasformazione tecnologica e culturale? L'intelligenza artificiale (AI) sta rivoluzionando il mondo del lavoro e l’organizzazione delle aziende, offrendo numerose opportunità per migliorare l'efficienza e la produttività. In questo scenario caratterizzato da una continua innovazione, l'importanza del manager dell'intelligenza artificiale (AI Manager) emerge come fondamentale. Scopriamo il perché.

Gli AI manager sono dei pilastri per guidare le imprese nel percorso di trasformazione tecnologica, migliorando i processi di produzione (o riducendoli) e permettendo di sfruttare i benefici degli algoritmi predittivi. Proprio perché l’intelligenza artificiale è in larga parte ancora un territorio inesplorato in molti settori, la guida esperta degli AI Manager è cruciale per evitare di commettere errori, sia dal punto di vista tecnologico sia etico. Operando in gruppi interdisciplinari e collaborando con partner esterni, i manager dell’intelligenza artificiale monitorano lo sviluppo globale e il potenziale degli algoritmi predittivi, per poterli utilizzare all’interno di vari progetti. Infatti, il loro compito è anche quello di supervisionare e dirigere l'implementazione dei sistemi di AI, assicurando sempre il rispetto dei requisiti di qualità.

Il ruolo decisivo degli AI Manager nel mondo del lavoro del futuro

In uno scenario del lavoro sempre più digitale e tecnologico, i manager dell’intelligenza artificiale svolgono un ruolo cruciale nella guida e nell'ottimizzazione delle risorse umane e tecnologiche delle organizzazioni. Il processo di trasformazione che sta avvenendo in questi anni (a livello tecnologico, normativo e culturale) ha accelerato la necessità di una leadership agile e orientata al futuro, in grado di adattarsi rapidamente ai cambiamenti e di massimizzare le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. L’AI managing funge da ponte tra gli obiettivi strategici dell'organizzazione e le attività quotidiane dei collaboratori, assicurando che le risorse siano allocate in modo efficace e che i processi siano allineati agli obiettivi aziendali. La gestione delle persone, delle risorse e dei progetti richiede una leadership competente e una comunicazione efficace per garantire il successo e la crescita dell'organizzazione in un ambiente sempre più competitivo.

Con l'avvento del lavoro remoto e del lavoro ibrido, gli AI Manager hanno acquisito un ruolo ancora più critico nel mantenere l'efficienza e la coesione del team, nonostante le distanze fisiche. Devono essere in grado di motivare e guidare i dipendenti, fornendo supporto e risorse necessarie per il successo individuale e collettivo. Inoltre, questi manager sono responsabili della gestione dei processi decisionali e dell'implementazione di strategie innovative per rimanere competitivi sul mercato. Devono essere in grado di analizzare dati e tendenze per prendere decisioni informate e guidare l'organizzazione verso il successo a lungo termine. In un contesto in cui l'automazione e l'intelligenza artificiale stanno cambiando radicalmente il panorama lavorativo, gli AI Manager sono essenziali anche per guidare la trasformazione e garantire che le nuove tecnologie siano integrate in modo efficace ed etico nelle operazioni aziendali. In sintesi, in un mondo del lavoro sempre più digitale e tecnologico, sono indispensabili per guidare, ispirare e coordinare le risorse umane e tecnologiche delle organizzazioni verso il successo e la crescita continua.

Che cosa fa un AI Manager? Il managing dell’AI leadership e gestione del rischio

Se da un lato la presenza di leader competenti e adattabili è sempre più cruciale, dall’altro un numero crescente di aziende richiede che questo know how sia collegato al mondo dell’intelligenza artificiale. Proprio con questo scopo nasce la figura dell'AI Manager: una sorta di responsabile della progettazione, dell'implementazione e della gestione delle soluzioni AI all'interno di un'azienda. Oltre a promuovere lo sviluppo di soluzioni basate sull’intelligenza artificiale, l'AI Manager dev’essere in grado di cogliere le opportunità che riguardano gli algoritmi predittivi e il machine learning. Questi professionisti devono non solo identificare le tecnologie più adatte all'azienda, ma anche gestire le relazioni con i fornitori e assicurarsi che l'implementazione sia conforme alle normative vigenti. Questo processo richiede una conoscenza approfondita delle tecnologie disponibili sul mercato e delle esigenze specifiche dell'azienda.

Ma la sfida non si ferma qui. Gli AI Manager devono anche affrontare la gestione del rischio associato all'uso dell'intelligenza artificiale. Questo comprende la sicurezza dei dati e le implicazioni etiche legate all'automazione dei processi decisionali. Con la crescente preoccupazione per la privacy dei dati e la responsabilità sociale delle aziende, l'AI manager svolge un ruolo fondamentale nel garantire che l'implementazione dell'AI sia sicura ed etica. Oltre a ciò, la leadership e la formazione del team sono parte integrante delle responsabilità dell'AI Manager, in quanto essenziali per il processo di transizione tecnologica dell’azienda. Guidare e formare un team competente è essenziale per garantire il successo nell'implementazione delle soluzioni di AI: questo richiede non solo competenze tecniche, ma anche abilità di comunicazione e gestione delle risorse umane.

Le caratteristiche e le competenze dell’AI Manager

Per essere un AI Manager di successo è necessario creare un mix unico di competenze tecniche, capacità comunicative e qualità personali che consentano di affrontare le sfide del mondo dell'intelligenza artificiale. Con il managing dell’AI, nella maggior parte dei casi, si opera in contesti multidisciplinari e si monitora lo sviluppo globale dell'AI per progetti innovativi. In pratica, i manager mantengono la supervisione e la responsabilità del progetto; pianificano, sviluppano e controllano l'implementazione dei sistemi di AI, assicurandosi che rispettino i requisiti di qualità. Gli AI manager lavorano con partner esterni, assicurando un vantaggio competitivo per le aziende attraverso il miglioramento e la riduzione dei processi di produzione o di lavoro tramite l'AI, ancora in gran parte inesplorata in molti settori lavorativi.

Per diventare un AI manager, una persona deve possedere una serie di caratteristiche e competenze essenziali. Anzitutto, sono fondamentali l'apertura mentale e la disponibilità all'innovazione, poiché il campo dell'intelligenza artificiale è in costante evoluzione. La capacità decisionale e l'orientamento alla soluzione servono per affrontare le sfide complesse che possono sorgere durante lo sviluppo e l'implementazione dei progetti di AI. Competenze matematiche solide e conoscenza dell'inglese sono molto importanti data la natura tecnica e globale del lavoro nell'ambito dell'AI. La comprensione rapida e la capacità di comunicare sono altrettanto cruciali, per adattarsi rapidamente ai cambiamenti e trasmettere concetti complessi in modo chiaro ed efficace. Il desiderio di sperimentare, la precisione nel lavoro e un senso di responsabilità sono importanti per garantire la qualità e l'affidabilità dei progetti di AI. Un interesse per l'informatica e conoscenze informatiche sono molto importanti, poiché l'AI manager deve avere una comprensione approfondita delle tecnologie e degli strumenti utilizzati nell'ambito dell'intelligenza artificiale. Infine, il pensiero analitico, il pensiero logico e il pensiero complesso sono indispensabili per affrontare sfide complesse e trovare soluzioni innovative. Inoltre, qualità di leadership e un atteggiamento fiducioso sono essenziali per guidare con successo il team e ispirare fiducia nei partner e nelle parti interessate.

Manager dell’intelligenza artificiale: come diventarlo

Per diventare un AI manager è essenziale combinare un solido background educativo con esperienza e competenze di leadership. Anzitutto, ottenere una formazione solida in informatica, scienze dei dati, machine learning o un campo correlato è essenziale perché si tratta di nozioni indispensabili per poter rendere l’innovazione tecnologica uno strumento utile per lo sviluppo aziendale. Successivamente, è importante acquisire una profonda comprensione delle tecnologie AI, degli algoritmi di machine learning e dell'analisi dei dati (non a caso il data analyst è una figura che lavora in stretto contatto con l’AI manager), mantenendo sempre aggiornate le conoscenze sulle ultime innovazioni in AI e campi correlati.

Proprio quest’ultimo aspetto viene troppo spesso sottovalutato: l’obiettivo principale di un’azienda che punta sull’intelligenza artificiale è quello di anticipare il progresso tecnologico, quindi occorre una preparazione all’avanguardia. L'esperienza pratica è altrettanto cruciale, quindi è consigliabile lavorare su progetti AI attraverso stage, ricerche di laboratorio o ruoli industriali. Inoltre, sviluppare competenze di programmazione in linguaggi comuni (come Python) e familiarizzare con framework e librerie AI popolari come TensorFlow o PyTorch è essenziale. Specializzarsi in un'area specifica dell'AI, come visione artificiale o elaborazione del linguaggio naturale, può aumentare il proprio valore come AI Manager. Infine, un buon leader dell’intelligenza artificiale partecipa spesso a conferenze, workshop ed eventi del settore, per informarsi sulle ultime tendenze e fare networking con gli altri professionisti.

Articolo aggiornato il: 10 maggio 2024
Gianluca Dotti
Scritto da
Gianluca Dotti, Giornalista Scientifico

Continua a leggere

caio figura ai in azienda

Chi è il Chief AI Officer e quali compiti ha? Guidare l’azienda con l’intelligenza artificiale

Il Chief AI Officer (CAIO) supervisiona l'integrazione e l'implementazione dell'intelligenza artificiale all'interno ...
Le aziende migrano verso il cloud: i buoni motivi per farlo, con attenzione ai rischi

Le aziende migrano verso il cloud: i buoni motivi per farlo, con attenzione ai rischi

Grazie al cloud le aziende migliorano flessibilità, scalabilità e sicurezza, così da adattarsi rapidamente alle ...

DevOps: la sinergia tra sviluppatori e specialisti IT

DevOps per rendere più efficiente la collaborazione tra Devs e Ops La combinazione delle funzioni di Development e ...

Web Developer: breve guida sull'esperto di programmazione

Leggere le news dal nostro smartphone, sfogliare il feed di un social network, ascoltare un podcast, acquistare un ...