Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧
Che cosa significa il termine user experience analytics? Perché è uno strumento utile? E come è possibile utilizzarlo per migliorare il coinvolgimento (engagement) nei siti web? In un mondo digitale in cui è possibile utilizzare un'applicazione di segreteria telefonica visiva per leggere letteralmente la propria casella vocale, non c'è da stupirsi se disponiamo della tecnologia per raccogliere informazioni su qualsiasi cosa. Ma l'esperienza utente non è una cosa qualsiasi: è fondamentale per la crescita delle aziende.   Questo articolo spiegherà cosa sono le analisi dell'esperienza utente (UX) e come si può utilizzare questo strumento per migliorare il coinvolgimento nei siti web, favorire la crescita dell'azienda e migliorare la fidelizzazione dei clienti. 

Cosa sono gli User Experience Analytics?

Gli Analysics della UX si riferiscono all'analisi del comportamento degli utenti sui siti web o sulle app attraverso la raccolta e l'interpretazione dei dati.  Un'analisi della UX efficace aiuta a capire come gli utenti vivono il vostro sito web e, di conseguenza, a migliorare l'esperienza dell'utente. A sua volta, è possibile aumentare il coinvolgimento nel sito web e la soddisfazione dei clienti.  L'analisi UX può essere generalmente suddivisa in due tipi di dati:
  • Dati quantitativi: metriche misurabili solitamente incentrate su dati numerici. Pensate a "Quanti?" "Quanto?" "Quanto spesso?".
  • Dati qualitativi: dati soggettivi e non numerici come opinioni, atteggiamenti e convinzioni. 
È importante raccogliere e analizzare sia i dati quantitativi che quelli qualitativi quando si conduce un'analisi UX. I due tipi di dati si completano a vicenda, consentendo di vedere il quadro generale e fornendo una serie di dati più affidabili a sostegno delle proprie scoperte.  Un modo per concentrarsi sull'esperienza dell'utente è quello di utilizzare un Boilerplate SaaS per evitare l'uso di codifiche ripetitive, lasciando che gli sviluppatori si concentrino su ciò che rende unico il loro prodotto. Alcuni dei più popolari esempi di SaaS che utilizzano boilerplate sono Gmail, Dropbox e Microsoft Office 365.  

Come si possono sfruttare gli User Experience Analytics per migliorare l’engagement di sito web? 

Molte aziende investono in tecnologie come la chiamata via browser per migliorare l'usabilità e aumentare la produttività della propria forza lavoro. Oltre a migliorare l'esperienza dei vostri dipendenti, dovreste cercare di migliorare l'esperienza dei vostri clienti.  Per capire come migliorare il coinvolgimento nel sito web, è necessario innanzitutto capire come i clienti interagiscono con il sito. È qui che entrano in gioco le analisi UX.  Vediamo 10 modi per utilizzare l'analisi UX per migliorare il coinvolgimento sul sito web.  

1. Usa un tool di web analytics

La web analytics è la raccolta di dati quantitativi e misurabili per comprendere l'utilizzo del web. È possibile utilizzare uno strumento di analisi web come Google Analytics per raccogliere informazioni quali visualizzazioni, clic e utenti attivi. Molti strumenti consentono anche di impostare le proprie metriche per raccogliere i dati che si desidera analizzare.  Questi dati quantitativi sono spesso presentati sotto forma di grafici e possono essere estremamente utili per comprendere e ottimizzare l’engagement del sito web.

2. Conduci survey on-site

I sondaggi sul posto possono essere utilizzati per raccogliere dati quantitativi sull'esperienza degli utenti in tempo reale. Come una mini-recensione dei clienti, è possibile raccogliere valutazioni e feedback con domande a risposta chiusa che chiedono ai clienti di valutare la loro esperienza su una scala.  Ad esempio: 
  • Quanto è probabile che raccomandi [azienda] ad altri (su una scala da 0 a 10)?
  • Quanto è stato facile utilizzare il nostro sito web oggi (su una scala da 1 a 5)?
  • Quanto è probabile che torni a visitare il nostro sito web in futuro (su una scala da 1 a 5)?
Questi dati aiutano a identificare eventuali problemi di esperienza utente, anche se è necessario raccogliere ulteriori informazioni per scoprire esattamente quali sono i problemi e come risolverli. È qui che i dati quantitativi e qualitativi lavorano insieme per fornire un quadro completo.  

3. Includi widget di feedback sul tuo sito

I widget di feedback degli utenti possono essere utilizzati sul vostro sito per chiedere agli utenti di valutare la loro esperienza. Analogamente a un chatbot AI pop-up, questi widget di solito appaiono a lato del vostro sito web e chiedono ai clienti di completare una valutazione rapida e semplice.  Spesso l'interfaccia utente di un chatbot è personalizzabile e utilizza emoji o colori e opzioni di risposta rapida, per garantire la massima facilità d'uso. Per raccogliere ancora più informazioni, si può chiedere agli utenti di aggiungere un breve commento per spiegare la loro valutazione. Questa combinazione di dati quantitativi e qualitativi sarà estremamente utile quando si tratterà di informare i cambiamenti futuri.

4. Conduci survey off-site

I sondaggi off-site sono condotti su una pagina web separata e sono progettati per conoscere l'esperienza degli utenti in modo più dettagliato. È possibile porre una serie di domande aperte che richiedono agli utenti di descrivere le loro esperienze e opinioni.  I risultati forniscono dati qualitativi dettagliati da analizzare insieme ai dati quantitativi e forniscono un quadro più ampio dell'esperienza utente e di come migliorarla. 

5. Usa le heatmap

L'analisi delle mappe di calore consiste nel raccogliere informazioni sull'interazione e il coinvolgimento degli utenti sul vostro sito web o sulla vostra applicazione, tracciando le azioni del mouse, come gli scorrimenti e i click. Possono mostrare quali parti del vostro sito web vengono cliccate di più, ma anche quali parti vengono completamente ignorate dagli utenti. Volete sapere quanto gli utenti scorrono sulla vostra pagina? Una mappa di calore può aiutarvi! Volete sapere quali parti del vostro sito web gli utenti trascorrono più tempo a guardare? Una mappa di calore può aiutare anche in questo!  Image sourced from Contentsquare I dati raccolti dalle heatmap possono essere estremamente utili quando si conduce un'analisi UX, in quanto possono aiutare a dedurre esattamente il modo in cui gli utenti interagiscono con la vostra pagina web. 

6. Conduci un A/B testing 

Un A/B test raccoglie prove su due versioni della stessa pagina web. Così, la vostra azienda potrebbe raccogliere prove che suggeriscono che l'intestazione della vostra pagina web non attira molto engagement da parte dei vostri utenti. Potreste cambiare l'intestazione e testare online la versione originale e quella nuova per vedere quale ottiene il maggior coinvolgimento.  Se state cercando di decidere tra due versioni della vostra pagina web, potete eseguire un test A/B con le due versioni e i dati vi diranno quale versione ha avuto il miglior tasso di conversione.  I test A/B possono anche essere particolarmente utili ai digital marketer per valutare il successo di alcuni elementi di una campagna. Ad esempio, quali immagini suscitano maggiore interesse o quale slogan è più coinvolgente.  Quando si esaminano i dati, si può anche analizzare con un assessment creato da voi stessi per monitorare il coinvolgimento del sito web. Con questo tipo di analisi è possibile personalizzare le valutazioni per misurare esattamente ciò che si intende fare, senza compromessi.

7. Investi in test di usabilità in laboratorio

I test di usabilità in laboratorio registrano gli utenti mentre si impegnano con la pagina web o l'applicazione. Gli utenti completano dei compiti sulla pagina web e un moderatore addestrato registra le loro azioni e fa delle osservazioni sul loro comportamento.  Come il test A/B, i test di usabilità in laboratorio possono essere molto utili per confrontare due versioni di una pagina web o di un'applicazione. I dati possono fornire informazioni preziose sull'esperienza dell'utente, che consentono di ottimizzare il sito web e di aumentarne il coinvolgimento. Tuttavia, come suggerisce il nome, questo tipo di test viene completato in ambienti di laboratorio e quindi potrebbe non rispecchiare i clienti reali.  Questo tipo di test viene solitamente effettuato prima del lancio di un nuovo prodotto o prima di un rilancio della vostra pagina web.

8. Usa dei tool per registrare le sessioni

Le registrazioni delle sessioni funzionano in modo simile ai test di usabilità di laboratorio, ma registrano l'esperienza degli utenti reali. In questo modo è possibile tracciare azioni come i movimenti del mouse, i clic e lo scorrimento.  È anche possibile determinare quanto tempo gli utenti rimangono su una determinata pagina, quando tornano alla pagina precedente o escono completamente dalla pagina.  Mentre i test di usabilità in laboratorio forniscono molti dettagli e coinvolgono un moderatore addestrato, il vantaggio della registrazione delle sessioni è che si raccolgono dati dagli utenti reali. Questa operazione può essere eseguita a intervalli regolari, ad esempio settimanalmente o mensilmente, per ottenere preziose analisi UX sull'esperienza dei clienti

9. Organizza focus group con i tuoi clienti

I focus group consistono nel chiedere ad alcuni utenti di riunirsi per discutere del vostro prodotto, pagina web o applicazione. Un moderatore guida la discussione e pone domande predeterminate dall'azienda.  I focus group possono essere particolarmente utili per le piccole imprese che vogliono conoscere la propria clientela. Le aziende locali possono utilizzare un sistema telefonico aziendale per comunicare con i propri clienti, ma l'incontro di persona con un piccolo gruppo di clienti consente di approfondire ulteriormente la discussione.  In questo modo si possono ottenere molti dati qualitativi preziosi, ma solo da un numero ridotto di utenti. Le informazioni raccolte dai focus group devono quindi essere utilizzate insieme ai dati provenienti da altre fonti. 

10. Utilizza i dati raccolti per migliorare il coinvolgimento del sito web 

Potete passare tutto il tempo del mondo a raccogliere e analizzare i dati, ma se volete davvero migliorare l'esperienza degli utenti, dovete agire.  Per utilizzare in modo efficace l'analisi UX per migliorare l'impegno sul sito web, è necessario
  • Identificare i problemi dei vostri utenti
  • Cercare i problemi ricorrenti
  • Dare priorità alle correzioni dei bug
  • Creare e testare nuove funzionalità 
I clienti vorrebbero vedere sul vostro sito web qualcosa che attualmente non esiste? Vogliono che la fase di stipula dei contratti sia accelerata, nel qual caso potreste cercare di aggiungere le firme elettroniche al vostro sito web e/o utilizzare dei modelli di contratto in modo che le cose si svolgano più rapidamente.   È importante notare che apportare piccole modifiche incrementali è spesso più utile di una revisione completa del sito web. Si vuole essere in grado di misurare quale cambiamento ha avuto il maggiore impatto, e cambiare tutto il sito web in una volta sola non vi darà una risposta chiara in merito.  Un modo per apportare miglioramenti al vostro sito web e migliorare l'esperienza dell'utente potrebbe essere quello di assicurarsi che la vostra landing page SaaS sia ottimizzata per catturare l'attenzione dell'utente e coinvolgerlo. Esempi di landing page SaaS sono Cloudtalk, Readymag e HiPeople.  Infine, è necessario utilizzare insieme dati quantitativi e qualitativi per assicurarsi di avere un quadro completo dell'esperienza dell'utente e di come migliorarla. 

L’importanza dell’analisi della User Experience

Se volete migliorare l'engagement di un sito web, non potete ignorare l'analisi dell'esperienza utente. Raccogliere regolarmente dati sull'esperienza degli utenti e apportare attivamente modifiche per migliorarla avrà un impatto profondo sul coinvolgimento del sito web e sulla vostra attività nel suo complesso. 
Articolo aggiornato il: 21 agosto 2023
Talent Garden
Scritto da
Talent Garden, Digital Skills Academy

Continua a leggere

Che cos'è un Data Warehouse e come supporta la Business Intelligence

In un periodo in cui le decisioni delle aziende sono sempre più Data Driven, e quindi guidate dai dati, diventa ...

Trasformare un'idea in un prodotto digitale di successo: ecco la storia di Moze

Abbiamo fatto due chiacchiere con Sergio Panagia, Partner e CTO di Moze, studio italiano di designer e developer, che ...
pentester

Pentester: chi sono, ruolo e certificazioni

Cos'è il Pentesting? Il Pentesting, o penetration testing, è un'attività cruciale nel panorama della cybersecurity. Si ...

Dati e calcio, la rivoluzione si gioca in casa. Intervista al Data Scientist Gian Piero Cervellera

Sul suo profilo Linkedin si legge: - research Interest: Big Data Analyst, Machine Learning, Statistical Models - ...